Home arrow News arrow Opinioni arrow Clemente Russo insulta Patrizio Oliva facendo una pessima figura

Clemente Russo insulta Patrizio Oliva facendo una pessima figura

Valutazione dell'utente: ONONONONON / 22
Peggiore Il migliore 
Scritto da Mario Salomone
giovedì, 11 agosto 2016

Non è nostra consuetudine parlare di pugilato dilettantistico, disciplina che a nostro avviso dovrebbe essere propedeutica al pugilato vero, quello dei professionisti, e non sport a sé stante praticato fino ai 30 anni accumulando centinaia di match. Dal momento però che le recenti polemiche scoppiate durante le Olimpiadi di Rio hanno coinvolto anche un volto storico del pugilato di cui ogni giorno vi parliamo, ovvero il grande campione Patrizio Oliva, vigliaccamente e volgarmente insultato senza motivo da chi non è degno di allacciargli le scarpe, ci permettiamo di spendere qualche parola.

 

In primo luogo, contrariamente a quanto titolano fior fior di giornali abituati a scrivere di boxe ogni morte di papa (e di solito unicamente per raccontare le malefatte di qualche pugile fuor dal ring), il verdetto che ha condannato Clemente Russo all'eliminazione precoce contro il russo Evgeny Tischenko non è stato un furto. Tutt'al più si può parlare di verdetto opinabile, ma certamente non scandaloso. Clemente ha vinto chiaramente il primo round, ma altrettanto chiaramente ha perso il terzo. Il secondo è stato molto equilibrato e poteva andare all'uno come all'altro atleta. L'italiano afferma di aver messo a segno tra i 7 e i 10 colpi in tale ripresa ma probabilmente conta anche quelli finiti sulle braccia del rivale che come i lettori sapranno non costituiscono bersaglio valido. Altrimenti deve averli sognati.

 

Indipendentemente dal fatto che una vittoria stiracchiata potesse essergli assegnata o meno, tuttavia, Clemente Russo ha perso senza appello quando dopo il match, oltre a lanciare anatemi contro la giuria come già fece dopo la sconfitta di Pechino nel 2008, ha affermato testualmente "Ora mi incazzerò con stupidi ex pugili che fanno i commentatori", un chiaro riferimento a Oliva, attualmente impegnato nelle vesti di telecronista RAI e reo probabilmente di non aver gridato alla rapina o forse di aver criticato la squadra italiana negli scorsi giorni.

 

Clemente Russo evidentemente finge di ignorare che il bersaglio della sua infantile sfuriata ha dato più lustro al pugilato italiano di quanto lui avrebbe potuto fare in dieci carriere. Oro olimpico a Mosca nel 1980 Oliva rinunciò alle vantaggiose e sicure condizioni economiche che gli venivano offerte per restare tra i dilettanti e fece il grande salto per mettere insieme 57 vittorie da professionista che lo hanno portato a conquistare il titolo italiano, quello europeo e quello mondiale di sigla fra i superleggeri e successivamente il titolo europeo dei welter. Russo ha legittimamente operato una scelta diversa preferendo la tranquilla vita del dilettante di stato ai rischi brutali della boxe a torso nudo, oltretutto ben poco adatta alle sue caratteristiche; avendo tuttavia optato per tale percorso di comodo dovrebbe avere, in un mondo ideale, un maggiore rispetto per chi a differenza sua ha avuto gli attributi necessari a sfidare i migliori portando gloria al proprio paese.

 

Naturalmente la carriera di alto livello tra le sedici corde non è da sola garanzia di competenza e di capacità di analisi. Ma nello specifico appare davvero difficile capire cosa ci sia da eccepire sulle posizioni di Patrizio Oliva, tanto nel commento del match di Russo, quanto soprattutto nelle critiche ad una nazionale che in queste Olimpiadi ha fatto fin qui una ben misera figura, non tanto per le sconfitte che ci possono sempre stare quando l'avversario è più bravo, quanto per la boxe sconcertante che i nostri atleti hanno messo in mostra tra braccia basse, traiettorie larghissime e schiaffoni da osteria. Un repertorio che farebbe inorridire qualsiasi maestro di pugilato degno di questo nome.

 

Forse Francesco Damiani, piuttosto che difendere Tatanka ed evocare improbabili complotti finalizzati ad avvantaggiare gli atleti dell'est europeo, farebbe meglio ad insegnargli un briciolo di umiltà e di autocritica oltre a spiegare a noi tutti il motivo per cui il pugilato dei nostri atleti di punta sia così antitetico rispetto a quello che si insegna nelle palestre. Forse con le macchinette segnapunti in vigore fino a poco tempo fa le braccia roteate a mulinello potevano risultare efficaci ai fini del punteggio; essendo tuttavia tornati in auge i cartellini di fine ripresa, faremmo meglio ad adattarci in fretta e a tornare a fare i pugili piuttosto che gli sciabolatori.

 

In ultimo, un consiglio a Clemente Russo: lasci perdere Tokyo 2020 e si dedichi al mondo dello spettacolo in cui può certamente togliersi tante soddisfazioni. Magari, uscito di scena lui, potrà subentrargli qualche giovane di belle speranze: l'ottimo Fabio Turchi, chiuso dal Tatanka nazionale e passato professionista senza la possibilità di giocarsi un'Olimpiade, avrebbe probabilmente fatto più bella figura e sicuramente, in caso di sconfitta, sarebbe uscito di scena con più dignità.

_

Successivo >

2 Commenti

Visitore
Tullio
11 agosto 2016, 10:01
Ottimo articolo. Aggiungerei inoltre che nel turno precedente Russo ha beneficiato nei confronti di Chaktami di un verdetto altrettanto discutibile. I giudici sono quel che sono - vedendo anche altri incontri che non vedono protagonisti gli italiani, non trovo un comune filo conduttore nelle loro decisioni. Ma non possono essere criticati solo quando si perde.
Visitore
Lukka
15 agosto 2016, 17:49
Condivido alla lettera il Tuo giudizio. Le due pessime copie di Mayweather Casertani, oltretutto, non hanno capito che avere una guardia decente è anche una forma di rispetto per lavversario. Buon lavoro
Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

E-mail alerts

Non voglio ricevere ulteriori notifiche su nuovi commenti in relazione a questo articolo

Menu Principale

Home Ricerca Entrata WEB TV

Accesso Utente





Non hai ancora un Profilo? Crea Profilo

Syndicate

RSS 0.91
RSS 1.0
RSS 2.0
ATOM 0.3
OPML

 

venerdì, 21 luglio 2017

News in evidenza

Valid XHTML 1.0 Transitional!CSS Valido!