Home arrow News arrow Boxe internazionale arrow Saunders vince ma non brilla contro Akavov.

Saunders vince ma non brilla contro Akavov.

Valutazione dell'utente: ONONONONON / 1
Peggiore Il migliore 
Scritto da Rugantino Marcantoni
domenica, 04 dicembre 2016

Ieri sera al Lagoon Leisure Center di Peisley, in Scozia, Billy Joe Saunders (24-0-0,12KO) difendeva la cintura di campione del mondo dei pesi medi WBO conquistata lo scorso anno contro Andy Lee.

L'avversario era il russo Artur Akavov (16-2-0,7KO), pugile poco conosciuto che faceva presagire una vittoria di routine del campione del mondo.

Così non è stato. Ancora una volta la boxe insegna che ogni incontro fa storia a se e vale proprio la pena di ricordare il famoso detto “non dire gatto se non l'hai nel sacco...”.

Il russo, mancino come Saunders, ha fatto un match all'attacco, senza mostrare alcun timore reverenziale nei confronti del campione del mondo.

Nel curriculum di Akavov non figurano nomi di spicco e figurano due titoli non particolarmente pregiati: un WBO Europe conquistato contro Sandor Micsko e un WBF vinto contro Michel Mothmora.

Ma i curricula contano fino ad un certo punto, un pugile va giudicato sul ring, incontro dopo incontro.

Ebbene, il russo ieri sera ha dimostrato di essere un pugile di valore e non sarebbe affatto corretto dire che Saunders non ha brillato solo per suo demerito.

Le prime tre riprese hanno visto un Saunders insolitamente poco arrembante che subiva le veloci combinazioni di Akavov a cui di rado riusciva ad entrare nella guardia, tenuta prudentemente alta a completa copertura del viso.

Dal quarto al settimo round il jab di Saunders cominciava a lavorare ma l'inglese, che probabilmente non si aspettava un avversario tanto grintoso, appariva ancora poco determinato e lento sia di gambe che di braccia: le abilità difensive di Saunders non riuscivano a venire fuori.

All'ottavo round finalmente l'azione del campione appariva più incisiva ma fino all'ultima ripresa il match era sostanzialmente equilibrato senza particolari acuti da parte di entrambi.

Saunders appariva stanco e molti dei suoi colpi finivano contro i guantoni del russo: probabilmente anche la preparazione dell'inglese per questo match non è stata impeccabile e comunque il fatto di stare un anno intero fuori dal ring ha inciso parecchio.

Il punteggio alla fine ha premiato Saunders di stretta misura: 116-113; 116-112; 115-113.

La serata del campione è stata deludente. Da Saunders è lecito aspettarsi molto di più ma dobbiamo applaudire Akavov che ha dimostrato di essere un ottimo avversario.

E' chiaro che se Saunders vorrà sfidare Golovkin o anche Chris Eubank Jr dovrà essere al 100% della propria condizione fisica e atletica altrimenti rischia una brutta figura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(foto: boxrec.com)

_

< Precedente Successivo >

Menu Principale

Home Ricerca Entrata WEB TV

Accesso Utente





Non hai ancora un Profilo? Crea Profilo

Syndicate

RSS 0.91
RSS 1.0
RSS 2.0
ATOM 0.3
OPML

 

sabato, 25 novembre 2017

News in evidenza

Valid XHTML 1.0 Transitional!CSS Valido!